Il pellegrinaggio di Alex : la disfatta di Roncisvalle

Da Donibane-Garazi per arrivare a Compostela, ci sono ancora 28 giorni di marcia. Vi ricordate che avevo previsto di andare fino a Roncisvalle. Tra Donibane-Garazi e Roncisvalle : 25 miserabili chilometri e non sono nemmeno riuscito a farli. Un fallimento totale. Ho perso la battaglia di Roncisvalle. Non sono il più prode dei pellegrini. Eppure, Gano non mi ha teso un’imboscata.  Come Orlando, non  ho suonato il corno Olifante, ma, io contrariamente a Orlando,  ci ho perso l’onore.  Non mi sono battuto valorosamente.  Meno male, cosi non sono stato colpito a morte  e non ho dovuto spezzare la spada Durandal prima di morire. Credetemi, ho provato a resistere ma sono crollato subito.

Diciamo la verità, non sono riuscito a raggiungere Roncisvalle, sconfitto da una maledetta Benta spagnola, una sordida e brutta zona commerciale, ai piedi del colle. Una trappola subdolamente sistemata dai perfidi spagnoli che attira i francesi come le mosche. Una zona commerciale dove gli spagnoli ci vendono ogni tipo di prodotti detassati  : abbigliamento, accessori moda…ma soprattuto : benzina, cigarette e alcool. Prodotti detassati ? dovrei piuttosto dire : “roba”. Sono veramente un tossicodipendente.  Ci sono ancora tante cose da fare, da vedere ! ma  cosa facciamo qui ? Dovevamo andare a Roncisvalle ! e mi ritrovo con una cisterna di Martini e delle stecche di cigarette nel bagagliaio della macchina…Ovviamente, ho  trovato delle scuse : sono già le 6, dobbiamo tornare a Bordeaux ; lavoro domani !  la prossima volta….

Inutile parlare spagnolo, la clientela è esclusivamente francese. Gli spagnoli fanno la spesa in Francia !

Incredibile ! i  pullman, che portano  i pensionati,  traboccano di cigarette, alcool e viagra ! Immagino il sabato sera alla casa dei pensionati. Gli italiani dicono : casa di riposo….in Francia sarebbe piuttosto….

Roncisvalle, la prossima volta ti vincerò !

Il pellegrinaggio di Alex : Donibane-Garazi

Finalmente, siamo arrivati a Saint Jean Pied de Port (Donibane-Garazi in euskara). Mancano ancora 25 km per arrivare a Roncisvalle. Eccomi Orlando ! La primavera è la stagione ideale, non c’è ancora troppa gente. Non venite d’estate, circolare è quasi impossibile, il cammino diventa un’autostrada per pellegrini. Il paese assomiglia alla Mecca !

Saint Jean Pied de Port (cliccate per ingrandire) :

C’è scritto casa di Pierre Delagrange e Marie Dufour, sposati il 9 maggio 1720.

Il ponte (Zubia in basco)

Il fiume Nive

Jondoni jakobe atea (la porta san Giacomo)

Il rifugio, sopra una camera affittata da parte dell’abitante (non è lo stesso prezzo !). Il rifugio costa 3 euro e si dorme solitamente in degli stanzoni attrezzati con letti a castello ovviamente senza lenzuola quindi non dimenticate il sacco a pelo ! I rifugi per i pellegrini  si trovano a non più di 20-25 chilometri uno dall’altro comunque sia alle 9 di mattina vi cacciano via.

L’attrezzatura !

I pellegrini hanno un documento chiamato credential attestando il loro stato di pellegrino. Sulla credential devono fare apporre i timbri “sellos”. E un obligo : due timbri al giorno, ogni giorno. Non sono ancora a letto !

Ho incontrato una coppia coreana. Non hanno trovato posto  al rifugio e  stavano cercando un’altra soluzione. Il marito parla inglese e conosce anche un po’ di lingua basca ! Strano. Come se avessi studiato il gaelico prima di viaggiare in Irlanda. Meglio sapere un po’ di inglese prima !

zitadela (la cittadella)

Non mancate l’ultima puntata  : Roncisvalle….Il tracollo di Alex.

Cliccate qui per l’ultima parte

Minami Sanriku

Minami Sanriku. Prefettura di Myagi. Minami Sanriku : città balneare devastata dallo tsunami dell’ 11 marzo ;  Minami Sanriku 17 000 abitanti, 10 000 morti. Minami Sanriku dimenticata da tutti perché anche l’attualità è una specie di tsunami ; Minami Sanriku, nella società dell’informazione una notizia scaccia l’altra  e due mesi sembrano  secoli…Eppure, a Minami Sanriku, la vita continua malgrado tutto :

La vita tra il blu della luce e il rosso delle braci ; la vita tra  sciagura e  felicità ; la vita tra  serenità e  violenza ; la vita tra il lusso di un bagno e un mucchio di calcinacci…

Il pellegrinaggio di Alex : Il rancio del pellegrino…

Cari amici, l’ultima volta, ci siamo lasciati davanti al ristorante. Bene, allora accomodiamoci ad un tavolo…Dietro di me, ci sono i tifosi di una squadra di rugby, festeggiano la fine della stagione….avanti ! a tavola ! mi gridano.

Dal ristorante, la vista sulla montagna

Velouté de chou fleur (cavolfiore), mettono dentro un prosciutto affumicato…

Uovo cocotte con gamberetti …

I cannelloni vengono farciti con un ripieno di xamango. Lo xamango è il resto del prosciutto, quando non si puo più tagliare delle fette. Il prosciutto è cotto per ore in un brodo aromatizzato. Poi, mescolato con della piperade, una salsa tipicamente basca :  peperoni, peperoncini di Espelette, peperoncini verdi, pomodori, aglio, timo, alloro…

Il dessert.

Bene. Adesso, il pellegrino è pronto ad affrontare la montagna dirupata, attraversare la foresta d’Iraty (più grande foresta di faggi d’europa), varcare  torrenti, precipizi e il valico di  Bagargui (1327 m) per raggiungere Saint Jean Pied de Port…

Il valico di Bagargui :


Ovunque, sulla strada ci sono degli animali : mucche, pecore, cavalli….e ciclisti. Ma guardi, il povero uomo ! dice compassionevole la mia amica ogni volta che vede un ciclista. E vero ! sembra l’Alpe d’Huez. Certi stanno agonizzando sul bordo della strada ; altri, hanno buttato la bici nel baratro ; questo, fissa inebetito un cartello….Qualcuno, un sadico  sicuramente, ha messo una specie di segnaletica infernale …i cartelli dicono quanto Km mancano alla vetta, la percentuale della salita….

Fine seconda puntata. Nella prossima puntata : Saint Jean pied de port, i pellegrini coreani…

Se volete leggere la terza parte, cliccate qui

 

Domenica : Leggo la stampa guardando il giro

La giustizia americana è un rullo compressore. Gli inquirenti federali che cercano di dimostrare che tutta la carriera di Lance Armstrong è stata costruita sulla menzogna e il doping, stanno accumulando una montagna di prove. Il procuratore Novitzky della Food and Drug administration si è recato in Europa e avrebbe raccolto numerose informazioni legate al finanziamento del doping . In particolare da parte di Michele Ferrari, il medico italiano di Armstrong.

Pero, sono  gli ex compagni di squadra che potrebbero dare il colpo di grazia ad Armstrong. C’erano già Frankie Andreu e la moglie Betsie, poi Floyd Landis nel 2010. Questa settimana ,  Tyler Hamilton ha confessato di essersi dopato, accusando Armstrong di aver fatto lo stesso : ““Ho visto l’epo nel suo frigo e ho visto farsi più di una iniezione di questa sostanza come del resto molti di noi” ha ammesso Hamilton che ha raccontato come in quel tempo quasi tutto il gruppo faceva uso di sostanze dopanti e trasfusioni di sangue…La reazione del avvocato di Armstrong è stata la solita cioè  il disprezzo,  le parole di Landis oppure di Hamilton non hanno nessun valore…

Secondo CBSnews, gli inquirenti non si sono accontenti di ascoltare gli ex compagni di squadra, avrebbero interrogato anche George Hincapie “il fratello di Armstrong”. Hincapie fa parte di un gruppo di tre ex compagni che hanno testimoniato, davanti il grand jury federale di Los Angeles, di avere, come Armstrong secondo loro,  fatto uso di EPO e testosterone per preparare le gare.

Oggi, Hincapie dice : No comment su twitter : “”Riguardo le notizie diffusa da Cbs, non posso fare alcun commento su quanto è oggetto di indagini ancora in corso”

Insomma, Hincapie si arrampica sugli specchi, non vuole ripetere pubblicamente quello  che  ha confessato davanti il grand jury. Perché se nel ciclismo “parlare” è un atto di tradimento, lo spergiuro davanti un tribunale americano ti invia in carcere. L’omertà nel ciclismo rischia di andare in frantumi davanti l’intransigenza dei tribunali americani. E già successo nel caso Marion Jones, l’atleta è stata condannata a 6 mesi per spergiuro, aveva mentito sull’uso di sostanze dopanti…

Un nuovo colpo duro  per Armstrong. D’altronde, questa volta l’avvocato non ha trovato niente da dire….

Il pellegrinaggio di Alex

Bordeaux è una tappa importante sulla strada verso Santiago di Compostela. Ho deciso di fare la tappa Bordeaux-Roncisvalle : 270 km !  Ovviamente, siccome ho disposto soltanto di un giorno e che non ho gli stivali magici, ho fatto il tragitto in macchina !
ciò, non significa che la strada sia senza pericoli. Anzi, il pellegrino non si sente saldo e al sicuro dalle mille tentazioni dissimulate sulla strada. Caspita, avrei dovuto seguire un allenamento !

Nelle landes di Guascogna, ogni 100 metri, all’ingresso di ogni cascina c’è un cartello : Confit, foie gras, asperges, armagnac, produits régionaux….equivalente ai miei occhi al canto delle sirene per le orecchie di Ulisse. Non posso, comunque, chiudere i miei occhi con della cera ! Devo fare uno sforzo sopra umano per resistere…Ah ! sono salvo il paese basco !… Mi sono rallegrato troppo in fretta, la filastrocca dei cartelli continua…in euskara (la lingua basca) questa volta : Ardi Gasna (pecorino), Sagardoa (sidro), Xingarra (prosciutto)…
Il paragone con Ulisse non è casuale…sono perso…butti il gps dalla finestra altrimenti….Sono i cammini di compostela  sussurra subdolamente la mia amica…ma, dai ! fa 10 kilometri che siamo dietro questo trattore…sono sentieri per le mucche. La segnaletica bilingue non aiuta…Ah, finalmente…Larrau (Larraine in euskara), è una piccola deviazione sul cammino di Compostela, ma ci ho prenotato il ristorante !

Larrau (cliccate le foto per ingrandire)

Eliza (la chiesa)

Una casa : etche o etxe secondo la grafia in euskara. Spesso i baschi portano il nome della casa : etcheberria sarebbe casanova in italiano.

Herriko etchea (il sindaco)

Trinketa (il frontone per giocare alla palla basca)

A Larrau, siamo veramente sul confine della mia regione. La spagna si trova a due passi…

Iparralde (il paese basco francese)

Fine prima parte :  Nella prossima puntata scoprirete come i baschi cucinano i cannelloni. Poi, “il pellegrinaggio” proseguirà attraverso la montagna verso Saint Jean Pied de Port (sempre nel paese basco francese)…

Cliccate qui per leggere la seconda parte