Il paradiso perduto

Una minuscola maremma quasi un fazzoletto da tasca, ingabbiata tra una strada, una ferrovia, una zona industriale e una città dormitorio.  La comune dove potete trovare  l’astuccio di verdura si chiama Bruges, non la città del Belgio ma un paese  della periferia di Bordeaux. Oggi, la palude occupa una superficie di 265 ettari. E’  l’ultimo vestigio delle grandi paludi di Bordeaux che si estendevano ancora su più di 3000 ettari nel corso del novecento.

La palude foggiata dall’uomo da secoli : allevamento bovini, equini, la raccolta del giunco, delle sanguisughe, la caccia, la pesca…stava progressivamente scomparendo nell’indifferenza generale. Non c’era più niente da fare.  La bonifica delle zone  paludose per creare delle ortaglie, l”industrializzazione, poi  l’urbanizzazione galoppante  negli ultimi 60 anni, la condannava insanabilmente.

Finalmente, nel 1983, è stato preso un decreto in favore della palude, un parco nazionale è stato creato  per salvaguardare la fauna,  la flora, il biotope….2500 specie sono state inventariate fra cui  :  la testuggine d’acqua,  la farfalla Lycaena dispar, la pulicaria una specie di pianta, la cicogna bianca, il visone europeo, l’avèrla  piccola…. specie in via di estinzione al livello europeo.

Cliccate per ingrandire

Devi attraversare  la ferrovia e aprire il  cancello…

La Jalle il fiume che alimenta la palude

La casa della Forestale

Sul cammino (circa 2,5 km)

Le nutrie…per dire la verità…ne ho già mangiato ; un’amica le cucina !

Il primo osservatorio ornitologico

La veduta

Secondo osservatorio

Appena  fai un movimento, senti i tuffi dei  gamberi di fiume …invece le zanzare

 

Terzo osservatorio

Purtroppo, dobbiamo tornare a casa

Annunci

4 thoughts on “Il paradiso perduto

  1. “…2500 specie sono state inventariate…” non mancheranno le zanzare!Conosco di fama la Camargue ma penso che sia un’altra cosa.Comunque sei un vero naturalista.Sei uscito allo scoperto solo ora!Meriterebbe un giretto in VTT come chiamate voi il MTB:-)
    Bella la foto 267. Si vedono i riflessi degli alberi da una parte e dall’altra del fiume.
    Un saluto

  2. Osman, Il VTT è vietato, potrebbe disturbare le bestiole. Invece, c’è un giretto da fare da Bruges fino al Verdon : 100 km. Lo faremo insieme tappa per tappa verso L’estuario della Gironda, il più grande d’ Europa. Vedrai, la Garonna è una cugina del Mississippi. Domenica pubblicherò un post sulla bicicletta. Spero ti divertirà.
    Alex

  3. Grande Alex!
    Davvero luoghi splendidi sotto il profilo naturalistico.
    Grazie per la visione di queste meraviglie.
    Un abbraccio affettuoso e buona serata.
    Marianna

  4. >Domenica pubblicherò un post sulla bicicletta. Spero ti divertirà<

    Lo leggerò volentieri visto che siamo in pieno giro.Lunedì sono andato in bicicletta (30 km) a vedere da vicino la partenza della terza tappa Reggio Emilia -Rapallo da piazza martiri dove c'è il teatro che ha lanciato Pavarotti.Alle 12h55,ora della partenza ho fatto ritorno verso casa cahin caha con il vento contro mentre il gruppo andava nella direzione opposta.Sono arrivato a casa alle 14h45. 3 ore per un totale di 66 Km.Fatta la doccia e dopo avere pranzato ho acceso la tv per seguire la corsa.Bastardi!Come hanno fatto? Alle 16 al peloton de tête, mancavano 40 km al traguardo sui 173Km!Non è giusto.
    E' vero che compierò 50 anni fra 5 mesi ma tu lo sai io dimostro molto molto meno!Quando mi pettino la mattina il ragazzo dello specchio mi dice sempre:impossibile che tu abbia quasi 50 anni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...