La Finlandia

L’autunno è il periodo del cambiamento : le foglie ingialliscono e cadono, le giornate sono più corte. Ieri mattina, c’è stata la prima brinata della stagione. Eppure, nel pomeriggio la temperatura è salita fino a 25 gradi. La notte,  i vigneti sono avvolti da un abito di nebbia. Presto, torneranno i giorni di pioggia e il rischio di incendi boschivi  si allontanerà fino alla prossima estate. Gli ultimi turisti sono andati via e gli indigeni si risvegliano. Possiamo di nuovo impadronirsi delle nostre spiagge per respirare a pieni polmoni l’aria iodata dell’oceano. Possiamo di nuovo battere la spiaggia senza rischiare di essere accoppati accidentalmente  da un frisbee ovvero da un aquilone. Non sentiremo più parlare inglese, spagnolo o tedesco.  Ormai, non ci sarà  più problema per trovare uno spazio per parcheggiare la macchina. le prenotazioni nei ristoranti ? Inutili. ci saranno sempre tavoli liberi. I negozi per turisti hanno chiuso, riapriranno a pasqua. I servizi comunali stanno già preparando la nuova stagione…

Benché l’oceano sia a due passi, questo non è il mare ma il più grande lago di Francia, quello di Carcans. A sud c’è un altro grande lago quello di Lacanau.  Qui, ad ovest, il Médoc non è sinonimo di vino. E una regione di laghi, stagni, paludi, boschi e immense  foreste di pini….una meta  perfetta per gli amanti degli sport acquatici : vela, sci d’acqua, windsurf, kayak…un paradiso per i bambini perché il lago non è pericoloso come l’oceano…un paradiso per i ciclisti, gli escursionisti…E la finlandia ! Qui, non esiste la cementificazione, la natura è tutelata, c’è anche un progetto per fare della zona un parco regionale…Abbiamo portato tutto il necessario per un picnic. Che tranquillità ! non c’è nemmeno una vela sul lago. Sentiamo solo il cinguettio degli uccelli. Ogni tanto, un martin pescatore si tuffa nell’acqua per catturare un pesce….

I soliti quattro pensionati hanno riconquistato il piccolo molo dove pescano il luccio, la sandra, la carpa….per dire la verità, i lucci non abboccano all’amo, sono ancora in vacanza….Fa niente mi ha detto un pescatore : stiamo meglio li che davanti alla tv,  e poi mia moglie non mi vuole a casa…

Il canale lungo 10 km che collega il lago di Carcans a quello di Lacanau attraversando la foresta e la riserva naturale del Cousseau. A piedi…o meglio se avete un kayak è una bella passeggiata da fare. In realtà,  seguendo il canale potreste anche raggiungere il Cap Ferret (25 km)…Adesso, andiamo all’oceano….

Cari lettori, siamo qui perché  ho fatto lo spaccone :  fa caldo oggi, ho detto,  andiamo a fare un tuffo nell’oceano, sarà l’ultimo bagno dell’anno….Sei completamente matto mi  ha risposto la mia amica, hai proprio perso la testa, siamo il 22 ottobre ! l’acqua è ghiacciata !…Bo’ una volta mi sono bagnato a Trondheim…era d’estate povero imbecille !  lei ha detto….

Verso Lacanau, se cliccate vedrete i soliti surfisti sono qui tutto l’anno, anche il 31 dicembre !

Verso Soulac, c’è solo un gruppo che fa una passeggiata lungo la spiagge, hanno tolto le scarpe e si bagnano i piedi…

Mi sono tolto i vestiti e mi sono tuffato nell’oceano. Mio corpo è stato trafitto da  miliardi di aghi di ghiaccio. Ho resistito. Sono riuscito a nuotare 20 metri, l’acqua era congelata. Poi, mi sono lasciato portare dall’onda per tornare a riva. Tremavo di freddo…davvero tonificante, oggi, l’oceano ha scherzato  la mia amica. Sei diventato blu ! Ve lo avevo detto, cari lettori, la Finlandia….

Il blog continua, a meno che muoia di polmonite….

Annunci