Fairy tale : perché il drago gallese è rosso. Seconda parte

 

 

 

 

 

 

 

 

After long deliberation, while all the workmen and people outside
waited for their verdict, the wise men agreed upon a remedy.

Now in ancient times, it was a custom, all over the world, notably in
China and Japan and among our ancestors, that when a new castle or
bridge was to be built, they sacrificed a human being. This was done
either by walling up the victim while alive, or by mixing his or her
blood with the cement used in the walls. Often it was a virgin or a
little child thus chosen by lot and made to die, the one for the many.

The idea was not only to ward off the anger of the spirits of the air,
or to appease the dragons under ground, but also to make the workmen
do their best work faithfully, so that the foundation should be sure
and the edifice withstand the storm, the wind, and the earthquake
shocks.

So, nobody was surprised, or raised his eyebrows, or shook his head,
or pursed up his lips, when the king announced that what the wise men
declared, must be done and that quickly. Nevertheless, many a mother
hugged her darling more closely to her bosom, and fathers feared for
their sons or daughters, lest one of these, their own, should be
chosen as the victim to be slain.

King Vortigern had the long horn blown for perfect silence, and then
he spoke:

“A child must be found who was born without a father. He must be
brought here and be solemnly put to death. Then his blood will be
sprinkled on the ground and the citadel will be built securely.”

Within an hour, swift runners were seen bounding over the Cymric
hills. They were dispatched in search of a boy without a father, and a
large reward was promised to the young man who found what was wanted.
So into every part of the Cymric land, the searchers went.

One messenger noticed some boys playing ball. Two of them were
quarreling. Coming near, he heard one say to the other:

“Oh, you boy without a father, nothing good will ever happen to you.”

“This must be the one looked for,” said the royal messenger to
himself. So he went up to the boy, who had been thus twitted and spoke
to him thus:

“Don’t mind what he says.” Then he prophesied great things, if he
would go along with him. The boy was only too glad to go, and the next
day the lad was brought before King Vortigern.

The workmen and their wives and children, numbering thousands, had
assembled for the solemn ceremony of dedicating the ground by shedding
the boy’s blood. In strained attention the people held their breath.

The boy asked the king:

“Why have your servants brought me to this place?”

Then the sovereign told him the reason, and the boy asked:

“Who instructed you to do this?”

“My wise men told me so to do, and even the sovereign of the land
obeys his wise councilors.”

“Order them to come to me, Your Majesty,” pleaded the boy.

When the wise men appeared, the boy, in respectful manner, inquired of
them thus:

“How was the secret of my life revealed to you? Please speak freely
and declare who it was that discovered me to you.”

Turning to the king, the boy added:

“Pardon my boldness, Your Majesty. I shall soon reveal the whole
matter to you, but I wish first to question your advisers. I want them
to tell you what is the real cause, and reveal, if they can, what is
hidden here underneath the ground.”

But the wise men were confounded. They could not tell and they fully
confessed their ignorance.

The boy then said:

“There is a pool of water down below. Please order your men to dig for
it.”

At once the spades were plied by strong hands, and in a few minutes
the workmen saw their faces reflected, as in a looking glass. There
was a pool of clear water there.

Turning to the wise men, the boy asked before all:

“Now tell me, what is in the pool?”

As ignorant as before, and now thoroughly ashamed, the wise men were
silent.

“Your Majesty, I can tell you, even if these men cannot. There are two
vases in the pool.”

Two brave men leaped down into the pool. They felt around and brought
up two vases, as the boy had said.

Again, the lad put a question to the wise men:

“What is in these vases?”

Once more, those who professed to know the secrets of the world, even
to the demanding of the life of a human being, held their tongues.

“There is a tent in them,” said the boy. “Separate them, and you will
find it so.”

By the king’s command, a soldier thrust in his hand and found a folded
tent.

Again, while all wondered, the boy was in command of the situation.
Everything seemed so reasonable, that all were prompt and alert to
serve him.

“What a splendid chief and general, he would make, to lead us against
our enemies, the ‘Long Knives!'” whispered one soldier to another.

“What is in the tent?” asked the boy of the wise men.

Not one of the twelve knew what to say, and there was an almost
painful silence….

DOMANI ULTIMA PARTE

Annunci

Fairy tale : perché il drago gallese è rosso.

It was in those early days, after the Romans in the south had left the
island, and the Cymric king, Vortigern, was hard pressed by the Picts
and Scots of the north. To his aid, he invited over from beyond the
North Sea, or German Ocean, the tribes called the Long Knives, or
Saxons, to help him.

But once on the big island, these friends became enemies and would not
go back. They wanted to possess all Britain.

Vortigern thought this was treachery. Knowing that the Long Knives
would soon attack him, he called his twelve wise men together for
their advice. With one voice, they advised him to retreat westward
behind the mountains into Cymry. There he must build a strong fortress
and there defy his enemies.

So the Saxons, who were Germans, thought they had driven the Cymry
beyond the western borders of the country which was later called
England, and into what they named the foreign or Welsh parts.
Centuries afterwards, this land received the name of Wales.

The place chosen for the fortified city of the Cymry was among the
mountains. From all over his realm, the King sent for masons and
carpenters and collected the materials for building. Then, a solemn
invocation was made to the gods by the Druid priests. These grand
looking old men were robed in white, with long, snowy beards falling
over their breasts, and they had milk-white oxen drawing their
chariot. With a silver knife they cut the mistletoe from the
tree-branch, hailing it as a sign of favor from God. Then with harp,
music and song they dedicated the spot as a stronghold of the Cymric
nation.

Then the King set the diggers to work. He promised a rich reward to
those men of the pick and shovel who should dig the fastest and throw
up the most dirt, so that the masons could, at the earliest moment,
begin their part of the work.

But it all turned out differently from what the king expected. Some
dragon, or powerful being underground, must have been offended by this
invasion of his domain; for, the next morning, they saw that
everything in the form of stone, timber, iron or tools, had
disappeared during the night. It looked as if an earthquake had
swallowed them all up.

Both king and seers, priests and bards, were greatly puzzled at this.
However, not being able to account for it, and the Saxons likely to
march on them at any time, the sovereign set the diggers at work and
again collected more wood and stone.

This time, even the women helped, not only to cook the food, but to
drag the logs and stones. They were even ready to cut off their
beautiful long hair to make ropes, if necessary.

But in the morning, all had again disappeared, as if swept by a
tempest. The ground was bare.

Nevertheless, all hands began again, for all hearts were united.

For the third time, the work proceeded. Yet when the sun rose next
morning, there was not even a trace of either material or labor.

What was the matter? Had some dragon swallowed everything up?

Vortigern again summoned his twelve wise men, to meet in council, and
to inquire concerning the cause of the marvel and to decide what was
to be done….(William Elliot Griffis)

DA SEGUIRE DOMANI

La Guascogna a tavola !

Domenica pomeriggio, sono andato al mercato regionale dei prodotti enogastronomici e artigianali tipici della nostra Guascogna.  Non ne sapevo niente di questo mercato ! Si svolge una volta l’anno,  al mese di ottobre.  Impossibile resistere a tante leccornie. Un vero supplizio di Tantalo. Di più, i mercanti ti fanno assaggiare tutto…si offendono addirittura quando dici : no grazie, ho appena finito di pranzare. Avevo solo voglia di fare una passeggiata digestiva…ma dai ! ti rispondono : un pezzo di formaggio o un po’ di prosciutto si mangiano senza fame… alla fine, ci ho lasciato un sacco di soldi, e ancora se non avessi mangiato prima di andare al mercato, avrei lasciato tutti i miei risparmi…

Il corso è pieno zeppo di gente…dappertutto, ci sono  tavoli all’aperto e le trattorie offrono piatti della cucina tipica : bistecca alla bordolese,  freschissime ostriche provenienti dal Cap Ferret…A Bordeaux, le ostriche vengono mangiate con una specie di salsiccia chiamata “crepinette”….

I cani stanno attenti…guardate questo mendicante con lo sguardo di rimprovero. Sanno fare i cani  per colpevolizzarci  con quell’occhio:  umido, affettuoso, implorante….. datemi un po’ di questa bistecca…sembra dire l’amico a quattro zampe…

Prosciutti e formaggi baschi….

Fanno anche la coppa !

C’è scritto : Salumeria. Al maiale buongustaio ! Siete toscani ? troverete la vostra felicità : salame di cinghiale. bresaola di cinghiale, prosciutto di cinghiale. salsiccia di cinghiale…ecc…

Ci sono anche le noci, le castagne cotte alla brace sulla padella forata, il vino bourru (ne abbiamo già parlato).  C’è  profumo di autunno nell’aria…

La “croustade gascone” e  il “pastis landais”  sono dolci che altrove non esistono. La croustade è una torta di mele all’armagnac. Ne ho comprata una. la croustade (crosta) che copre la torta è fatta con una specie di pasta filo grande come un lenzuolo…


I formaggi dei pirenei, il miele,   le marmellate fatte in casa…

Qui, non ci crederete ma è una paninoteca ! A parte che non fanno i panini, i tramezzini…sono piuttosto specializzati nell’hamburger guascone cioè pane di campagna, quello che si conserva più di una settimana, e blocco di foie gras…gargantuesco !

Guardate questa gente in fila…non è un apple store ! Le personne stanno comprando porzioni da asporto di chiocciole alla bordolese. Una ricetta tipica, si cucinano con pomodori, peperoncini e pancetta…Io non le mangio……

Armagnac invecchiato….ci sono bottiglie che hanno più di 30 anni…l’età si riconosce anche alle sfumature : giallo, ambra, castagna…

I soliti foies gras, confits, cassoulets, garbures….

La brioche ! Se non hanno il pane date loro le brioches diceva Maria Antonietta.  Non è esattamente quella che mi è stata servita in un bar italiano !

Birreria artigianale. Forse non lo sapete, ma, a Bordeaux,  abbiamo anche una produzione di birra…per dire la verità  abbastanza confidenziale pero di qualità…ne ho comprato qualche bottiglia…sarà l’oggetto di un prossimo post…

Si, si, avete letto bene : c’è anche  una bancarella sul diabete ! Incredibile.  Dopo tutto quello che abbiamo visto !  Be’ siamo in Guascogna, niente è serio, tutto deve finire con una gran risata  !

The Crunch

Domani, una nuova volta, affronteremo i nostri nemici ereditari : gli inglesi. Una storia che dura da più di cent’anni. Non sarà un match spettacolare. Forse, sarà il match più brutto della storia perché sono le due squadre peggiori. Fino ad ora, La Francia e l’Inghilterra hanno dismostrato di non valere molto.

Ogni giorno, sulla stampa l’allenatore viene messo alla gogna : perché lei cambia sempre i giocatori ? perché lei non ha ancora una squadra tipa dopo 4 anni ? perché i migliori giocatori sono rimasti in Francia ? Perché avere scelto 15 senza gambe ?…ecc…Curioso. La stessa stampa non troveva niente da ridire sulla selezione prima i mondiali. Secondo qualcuno, i giocatori avrebbero problemi psicologici….be’, visto come siamo tartassati dagli spot pubblicitari sul rugby alla televisione,  almeno non soffrono per mancanza di soldi, possono pagare lo psicologo…

Ovviamente, partiremo ad handicap perché saremo subito penalizzati per colpa dell’arbitro anglosassone. I calci di punizione pioveranno. Conosciamo il ritornello : “i latini sono indisciplinati”. Come se avessimo bisogno di questo :  nostro pack indietreggia sempre. Ragazzi dovete avanzare ! Nostro gioco al piede è disastroso, siamo assenti nelle ruck, non reagiamo alle difficoltà…ecc…

Eppure, domani, contro gli inglesi, i nostri giocatori avranno una reazione d’orgoglio. Per una volta, i giocatori riusciranno i loro placcaggi, il nostro pack distruggerà la mischia degli avversari, gli zoppi saranno in gamba. i trequarti dimenticheranno l’artrosi alle mani, nelle touche le seconde linee salteranno più in alto. Domani i galletti  ritroveranno  il french flair. Perché no ? Impossible n’est pas français. (Scatti : England-France, 1907)

Il giardino giapponese

Cosa pensate quando sentite la parola giappone ? Tokyo, Fukushima, il sumo, la cerimonia del tè, i manga….io penso : sugi… ogni volta che leggo un libro di Soseki, ogni volta che guardo un film giapponese… mi scorrono davanti agli occhi delle immagini di sugi….quelli che leggono il mio blog sanno già che mi piace la botanica.

view of Chūzenji Lake with evergreen trees, Utagawa, Hiroshige, 1826-1869

Se dovessi andare in giappone andrei a Yakushima….ma per il momento è solo un sogno….Bordeaux è gemellata con 12 città fra cui la citta  giapponese di Fukuoka….al parco floreale di Bordeaux sono stati creati 12 giardini che rappresentano le 12 città…vi ricordate il parco floreale ?  ci siamo gia andati. E questo parco dove c’è una collezione di tutti i vitigni coltivati nel mondo. Andiamo a vedere il giardino giapponese di Fukuoka !

Il portale d’ingresso…. il tetto non sembra in buone condizioni… ho un brutto presentimento…

L’aucuba del giardino ! Di solito è un arbusto sempreverde…l’arbusto è piuttosto rustico…ho sempre sentito dire che è una pianta impossibile da fare crepare….i giardinieri ci sono riusciti ! ma da quanto tempo non l’hanno innaffiato…

Anche le camelie giapponesi stanno morendo….cari giardinieri, vergognatevi !

La cascata ! non scorre nemmeno un filetto d’acqua…so bene che abbiamo la siccità…ma qualcuno non  potrebbe accendere la pompa che alimenta il piccolo ruscello ?

Il ruscello trasformato in una pozzanghera di acqua salmastra. Tutte le lanterne di pietra sono state rovesciate o distrutte…Triste

Il palco : un bel posto per sedersi a leggere un libro, chiacchierare…Avevamo anche portato un picnic ! Niente Giappone oggi !  Be’ andiamo, allora, in Cina…

Mentre il giardino di Fukuoka sta declinando, il giardino di Wuhan scoppia di salute….quasi una metafora questi giardini…Comunque, inutile dire che sono rimasto  deluso…e poi all’improviso, camminando verso il lago….

I sugi ! (in realtà  sono cipressi calvi, ma è la stessa famiglia !)

view of Mount Fuji across Yedo Bay, Andō, Hiroshige, 1797-1858

C’è anche un torrente di montagna che scende impetuoso alimentando, al termine del suo viaggio, il lago. Finalmente, al parco floreale di Bordeaux, il giardino giapponese non si trova dove  ce l’aspettiamo !

Appuntamento a casa Basquiat

Bene, adesso dirigiamo i nostri passi verso l’hôtel Basquiat al numero 29 del cours d’Albret. Un amico mi ha detto che l’insieme barocco Orfeo  darà una serie di concerti, al programma Purcell, Rameau, Lully. Dopo l’occhio anche l’orecchio vuole la sua parte !

Purtroppo, hanno già rientrato il clavicembolo, il violino e il violoncello… la gente sta uscendo…sembra che io abbia mancato il primo concerto ! ma, perché mi sono fermato al bar dopo l’hôtel Saint-Marc ! Scusi, signora quando inizia il prossimo concerto ? fra una mezz’ora nel salotto…Grazie, ci sbrighiamo ! altrimenti rischiamo di trovare tutte le sedie occupate….Cari lettori, volete saperne di più sull’hôtel Basquiat ? L’hôtel è stato costruito tra il 1775 e il 1778 dall’architetto Lhôte per un certo Basquiat de Mugriet, consigliere al parlamento di Bordeaux. Nel 1789, i beni di Basquiat  sono confiscati, il tizio è dovuto scappare in fretta all’estero, i girondini avevano eretto una ghigliottina place Dauphine (oggi Gambetta) a poche centinaia di metri dal palazzo…Nel 1887, il palazzo è comprato dal municipio di Bordeaux. E un palazzo rettangolare, ancora una volta, tra corte e giardino. Le due ali bassi che vedete  erano destinate ad alloggiare il personale. Non ci sono elementi scolpiti, è tipico di questo periodo, anche le finestre strette…insomma, l’hôtel francese classsico…

La sala da pranzo, il vestibolo decorato con una tappezzeria di Aubusson….Sapete che questo hôtel è l’alloggio di servizio del rettore dell’accademia di Bordeaux. Incredibile ! Io non ci sto ! Ovviamente, sono felice di pagare il mantenimento del palazzo, e lo stipendio del rettore con le mie tasse. Invece non trovo giusto che il tizio possa godere gratis del palazzo ogni giorno dell’anno mentre io devo accontentarmi di qualche ora…il palazzo è patrimonio di tutti….E vero ! l’avete capito bene….sono un po’ geloso.

ecco, il salotto dove si svolgerà il concerto. I musicisti stanno chiacchierando con il pubblico. E molto piacevole. I musicisti hanno indossato costumi del settecento ! Anch’io, un giorno, quando i cinesi avranno comprato tutto, mi costringeranno a vestirmi come nel tempo di Voltaire. Già che la città sembra un museo. Sto aspettando con angoscia la lettera dal comune. Pero, devo ammettere che vedere tutte queste ragazze vestite cosi, mi fa un certo effetto….ma perché ho letto tutta questa letteratura libertina del settecento !… Il concerto sta per iniziare, vi lascio qui…

Non mancate il prossimo post…