La ragazza bordolese che inventò l’anisetta

Bordeaux. Siamo “rue pont-de-la-mousque” nel quartiere Saint Pierre. Questa casa ha una storia particolare….Abbiate un po’ di pazienza ! La via si chiama pont-de-la-mousque perché una volta non c’era una via ma un ruscello a ridosso delle mura romane. La via era un fossato, una fogna per essere più preciso…un miserabile ponte calvacava la fogna…si dice che le mosche si davano appuntamento li. Oggi, non esistono più le mura romane, il ruscello….invece le “mosche” sono sempre li….Erano probabilmente le stesse  quando ero piccolo, le stesse due mile anni fa….sono sedute davanti all’uscio delle case, non abbordano i clienti, si accontentano di aspettare….la via non è più  frequentata come una volta…ormai, le mosche sono in via di estinzione…Torniamo alla casa che vedete sopra….E la casa natale di Marie Brizard. Qualcuno vi dirà che la ragazza faceva la dama di carità, visitava i ricoverati negli ospedali, si occupava delle signore di piccola virtù contaminate dai gesuiti sistemati nel quartiere. Un altro, che ne sa di più, vi dirà che la ragazza “confortava” i marinai di passaggio…

Comunque sia,  l’ 11 gennaio 1755, la ragazza attraversa la place royale di Bordeaux, oggi place de la Bourse, per tornare a casa…in un angolo della piazza, un nero, Thomas, marinaio a bordo dell’Intrépide giace  atterrato dalla febbre. Forse, aveva solo preso una grande sbornia. La ragazza lo raccoglie e lo porta a casa per “curarlo”….gli avrà fatto probabilmente del bene…perché per ringraziarla il marinaio le darà la ricetta di una liquore d’anice fresca e profumata…Il 18 agosto 1762, la ragazza e un socio, Jean-Baptiste Roger, affittano la casa per fabbricare e vendere l’anisetta…la liquore avrà tanto successo che diventerà la bibita preferita di Luigi  XV….

La via “pont de la mousque”, situata dietro la place de la Bourse,  dove  fu fondata l’azienda Marie Brizard, al numero 30, nel 1755.

Oggi, Marie Brizard è una multinazionale,  filiale di Belvedere, che vende liquori e bevande a base di piante, frutta e spezie…ogni anno, l’azienda  distribuisce oltre 230 milioni di bottiglie in 120 paesi….il successo di una mosca bordolese…

Annunci

2 thoughts on “La ragazza bordolese che inventò l’anisetta

  1. Il nome inganna Osman ! L’anisetta è una liquore, un digestivo….il pastis è un aperitivo…il pastis fa 20 gradi in più…soprattutto L’anisetta è una liquore fatta a base di piante, l’anice è solo uno degli ingredienti…La marie Brizard è composta da anice verde, cannella, arancia, limone, iride, angelica, coriandolo…ecc…la ricetta è segreta come quella della cocacola….nell’ottocento c’erano bene 30 aziende che producevano la loro anisetta a Bordeaux….un’attività sviluppata grazie alla situazione portuale di Bordeaux…piante, spezie…provenienti dal mondo intero erano facilmente disponibili…

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...