La razza francese

Dopo, la conversazione è tornata sul Presidente Poincaré che s’era inaugurato, proprio quel mattino lì,
una mostra di cagnetti; e poi, passin passetto, su “Le Temps” dove quello stava scritto. “Di’, che signor
giornale il “Temps””, ecco che mi provoca Arthur Ganate a ‘sto proposito. “Ce n’è mica un altro come
quello che difende la razza francese! – Ce n’ha proprio bisogno la razza francese, visto che non esiste!” gli
ho risposto io per fargli vedere che ero documentato, colpo su colpo.
“Ma sì! che ce n’è una! E anche bella come razza! insisteva lui, ed è persino la più bella razza del mondo, e
cornutaccio chi dice il contrario!”. E poi, eccolo che parte a gridarmi addosso. Ho tenuto duro, beninteso.
“Non è vero! La razza, quel che chiami così, è solo questa grande accozzaglia di poveracci del mio
stampo, cisposi, pulciosi, cagoni, che son cascati qui inseguiti da fame, peste, tumori e freddo, arrivati già
vinti dai quattro angoli della terra. Potevano mica andare più in là perché c’era il mare. è questo la Francia,
questo sono i Francesi.
– Bardamu, mi fa allora con aria grave e un po’ triste, i nostri padri valevano quanto noi, non parlarne
male!…
– Ci hai ragione, Arthur, per questo ci hai ragione! Rancorosi e docili, stuprati, sgangherati e coglioni
sempre, valevano proprio quanto noi! Puoi dirlo! Cambiamo mica! Né i calzini, né i maestri, né le
opinioni, o almeno così tardi, che non ne vale più la pena. Siamo nati fedeli, fedeli crepiamo noialtri!
Soldati a gratis, eroi per tutti e scimmie parlanti, parole sofferte, siamo noi i cocchi di Re Miseria. E lui
che ci possiede! Quando non fai il bravo, lui stringe… Ci abbiamo le sue dita intorno al collo, sempre, dà
noia a parlare, bisogna fare molta attenzione se ci tieni a mangiare… Per un niente, ti strozza…Non è vita…

CELINE : Viaggio al termine della notte ( tradotto da Ernesto Ferrero)

Annunci

2 thoughts on “La razza francese

  1. Grande Céline, e poi dicono che è di destra. Perde un po’ nella traduzione, ma l’italiano non ha l’agilità del francese

    Ciao Alex, a presto

    dragor (journal intime)

  2. Si, anch’io ho notato che la prosa di Celine perde potenza in italiano….ho pubblicato questo post perché non ne posso più di tutto questo circo mediatico in Francia intorno agli immigrati, la preferenza nazionale…ecc..ma, non ci sono altri problemi che dovrebbero affrontare i candidati alle elezioni : la disoccupazione, l’alloggio, la poverta, l’energia….

    Ciao Dragor,

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...