Bordeaux : Il lupo e il glicine

Adoro i glicini. Tra aprile e maggio, un diluvio di blu si abbatte sulla Francia. Un blu tanto particolare che ha dato il suo nome ad un colore tra il blu e il malva. Il glicine avrebbe anche potuto dare il suo nome ad un profumo tanto il suo lo rende unico  nel suo genere. Il glicine è originario della Cina e oggi rendiamo visita ad un venerabile  cinese che ha compiuto strenuamente  il suo centocinquantatresimo compleanno quest’anno !

Siamo via del lupo (rue du loup), un’antica arteria che collega la piazza Pey-Berland (il duomo) con la piazza del palazzo (la place du palais) dove nel Medioevo si ergeva il municipio. Qui, potete scorgere il campanile quattrocentesco che tutti i bordolesi chiamano : la torre Pey Berland. Non lo vedete, ma il campanile sorge isolato dalla cattedrale Saint André. Una cosa abbastanza banale in Gironda dove tutti i terreni sono più o meno paludosi….Sapete cosa c’è nel sottosuolo della cattedrale ? una foresta di  palafitte che sopporta  la chiesa. Insomma, nel trecento gli architetti si sono ritrovati davanti  ad un problema tecnico insolubile :  aggiungere un campanile alla chiesa e tutto l’edificio sarebbe crollato come un cartello di carte….Separare la cattedrale e il campanile è stata davvero un’ottima soluzione. Oggi, dopo più di 600 anni, entrambi sono ancora in piedi  !

Non ho bisogno di vedere il glicine, sento già il suo profumo….Volete sapere perché la via si chiama rue du Loup ? C’è una piccola enigma e gli storici non sono d’accordo fra loro. Qualcuno dice che il nome deriverebbe di un cittadino romano di nome Lupus che aveva la casa in questa via. Un altro sostiene che è stata l’invasione dei lupi in città  nel VI secolo che avrebbe dato il nome alla via. La storia dei lupi è proprio incredibile ! Un branco di lupi affamati sarebbe entrato in città a mezzogiorno e avrebbe ucciso e divorato tutti i cani di Bordeaux davanti agli occhi esterrefatti degli abitanti….Non credo a nessuna di queste ipotesi perché il nome “rue du loup” è abbastanza recente, la via ha avuto altri nomi nel passato, prima  si è chiamata via maggiore ; poi  nel 1383 si chiamava via dei pittori (rua deus pinhadors), il secolo seguente, si chiamava rue Sainte-Gème (rua senta-Gema)….il nome rue du loup (rua deu lop)  è apparso solo nel 1518….La spiegazione più probabile è anche la più semplice, c’era un negozio di pellicceria  all’angolo tra “rue du Loup” e “rue du pas-Saint-George”, l’insegna ne era un immenso lupo impagliato….

Ci siamo ! al numero 71, vedete il glicine che si arrampica sul balcone sopra “la porte cochère”. Il palazzo è l’hotel Ragueneau. Finora, il palazzo era la  sede dell’archivio del comune di Bordeaux….ma l’archivio è stato trasferito sulla riva destra in un nuovo palazzo in vetro e acciaio….i topi di biblioteca  rimpiangeranno il vecchio palazzo Ragueneau e le sue cantine….

L’hotel Ragueneau, un palazzo tipico del seicento. Si riconosce bene lo stile Luigi XIII. Guardate sotto le finestre i leoni stilizzati….Ovviamente, il palazzo avrebbe bisogno di essere ristrutturato, un architetto di ispirazione mussoliniana  ha fatto cementare le facciate durante il ventennio.

Il glicine è già tutto fiorito ! Guardate il tronco ! quando è stato piantato, l’Italia non esisteva ! Tutti i bordolesi vengono alla primavera verificare se il glicine è fiorito, quasi un rito pagano. Allora, Fiorirà o non fiorirà  quest’anno? Siamo tutti un po’ preoccupati quando arriva la primavera. Anche la TV locale invia, ogni anno, un giornalista e un operatore per fare un reportage sul nostro vecchio glicine….quest’anno ce l’ha ancora fatta !

Io sono addirittura un feticista, ogni volta che faccio una passeggiata nel centro, mi fermo un attimo per ammirare l’amico (Uno scatto dell’anno scorso, quando il glicine ha le foglie)

D’accordo, ho fatto un po’ il Cicerone, ma spero, comunque,  che la passeggiata vi sia piaciuta !

Annunci

4 thoughts on “Bordeaux : Il lupo e il glicine

  1. Si, la fioritura è quasi una perdita di tempo per i glicini. Non dimentichiamo che sono piante cinesi, hanno un unico scopo nella vita : crescere di 3 o 4 metri ogni anno….

    Buona giornata Pim !

    Alex

  2. Altroché, mi è piaciuta moltissimo con i glicini e tutto. E’ un peccato che sul terreno paludoso il campanile non si sia inclinato un po’. Altrimenti tutti andrebbero a vedere la torre Pey-Berland e non quella di Pisa!

    dragor (journal intime)

  3. C’è ancora speranza, Dragor ! Non so per la torre, ma quando pensi che tutto il duomo riposa su palafitte da 900 anni ! Pazienza !

    Buona sera, Dragor !

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...