A Bordeaux ho incontrato il presidente Obama, un elefante bianco, una gondola veneziana e un dissidente cinese !

L’ultimo weekend di giugno, tutti i bordolesi sono invitati a festeggiare il vino sui moli di Bordeaux. Quest’anno, l’ospite d’onore della manifestazione sarà la città di Hong Kong. Parallelamente, l’istituto culturale Bernard Magrez ha organizzato una mostra intitolata Shanghai ! la tentazione dell’occidente dove sono esposte una trentina di opere che testimoniano della ricchezza, delle affinità, delle influenze reciproche e dello scambio culturale tra artisti occidentali e cinesi . Sono andato a vedere la mostra la settimana scorsa, se venite a Bordeaux non mancate, chiusura il 22 luglio.

Il castello Labottière, al n°5 via Labottiere. Non per niente l’hôtel vienne chiamato il piccolo Trianon ! più classicamente francese non si  può. Per i lettori più fedeli, l’hôtel vi ricorderà l’hôtel Basquiat che abbiamo visitato l’anno scorso…La proprietà appartiene a Bernard Magrez, un magnate bordolese del vino, che possiede 36 castelli in Francia e in 8 altri paesi del mondo. Avete sentito parlare del castello Pape-Clément a Pessac-Léognan ? La Tour Carnet nel médoc, il castello Fombrauge a Saint-Emilion ?…ecc…appartengono tutti a Bernard Magrez….il tizio non colleziona soltanto i castelli ma anche le opere d’arte. Al primo piano di questo castello c’è una collezione impressionante di quadri di Bernard Buffet.

Attento se venite a Bordeaux ! non dovete confondere questo castello con il “petit hôtel Labottière” quello via Francis Martin dietro il giardino Pubblico. Il castello che ospita oggi l’istituto culturale Bernard Magrez è stato costruito nel 1773 dai fratelli Labottière, editori e librai a Bordeaux, avevano anche una proprietà viticola a Bordeaux. I due fratelli rovinati dalla rivoluzione francese sono costretti a vendere il castello. Poi, il castello è comprato da un ollandese che ne fa un bordello : il Tivoli…adesso sapete perché la via che fa l’angolo si chiama Tivoli !…questo castello ha tutta una storia rocambolesca spessa come un elenco telefonico. Basta sapere che Bernard Magrez ha comprato il castello e ha aperto l’istituto che ospita la sua collezione d’arte nel 2011….

Niente da vedere con la mostra dedicata alla città di Shanghai, ma c’è una gondola veneziana nel giardino alla francese ! Devo dire che non sono riuscito a capire questo mistero !

Sempre nel giardino un’opera di Chen Zhen intitolata Back to Fullness, Face to emptiness…dentro il globo, il testo della dichiarazione dei diritti dell’uomo in cinese ….

un’opera di Huang Yong Ping : l’ombra bianca (l’ombre blanche)…

Nel salotto di musica : una sedia di marmo (Marble Chair) un’opera di Ai Weiwei, attualmente in residenza sorvegliata a Pechino, dopo il suo arresto nel 2011 per crimini economici. La sedia rappresenta la tradizione e il potere stabilito…

Yan Pei-Ming : Obama, 2008 ; Marilyn, 2003…..

La veduta dal primo piano….

In un’altra parte del castello c’è una mostra fotografica dedicata a Shanghai….una città delirante, frenetica, sempre in movimento…un misto tra ruralità e ultramodernità dove accanto ad un grattacielo potete trovare ancora una via con delle case individuali…ma questa volta sono degli artisti occidentali che hanno scattato Shanghai :

Thomas Struth : Pudong, Shanghai 1999

 Gabriele Basilico : Shanghai n°1…..

http://www.institut-bernard-magrez.com/lieux/château-labottière

Non voglio essere esauriente…allora non avete voglia di venire a Bordeaux per vedere il resto della mostra ? Per quanto mi riguarda, domani compro i biglietti su internet per la festa del vino ! Non mancate questo prossimo appuntamento !

Annunci

4 thoughts on “A Bordeaux ho incontrato il presidente Obama, un elefante bianco, una gondola veneziana e un dissidente cinese !

  1. Il 22 luglio? Ho paura di arrivare in ritardo… 🙂

    Ecco perché i cinesi non capiscono niente di diritti dell’uomo. Sono scritti in cinese 🙂

    Di solito non invidio nessuno, pero’ mi piacerebbe trovarmi al posto di quel Magrez.

    Una domanda:il vino sui moli di Bordeaux si beve gratis?

    Aspetto la festa del vino.Mi sbronzero’ per internet…

    Ciao Alex, a presto

    dragor (journal intime)

    • Il biglietto costa 15 euro e hai diritto a 13 degustazioni (Médoc, Pomerol, Saint-Emilion, Graves, Sauternes…etc…), ti offrono il bicchiere a tulipano per bere e anche il biglietto di Tram per tornare tranquillamente a casa ! Vedi tutto è previsto !

      A presto Dragor !

      Alex

  2. Bonjour Alex,
    à Pape-Clement (le lycée) j’ai encore deux collègues, pas d’italien, d’ailleurs je ne sais même pas si là-bas on fait encore italien langue vivante.
    Sinon, je ne connais pas ce monsieur et J’aimerais bien aller visiter son exposition…on verra.
    Bonne journée ensoleillée et à bientôt,
    Fra

  3. Salut Francesca !
    C’est marrant quand tu écris : “j’ai encore deux collègues” ça me fait penser aux deux dernières survivantes d’une guerre !
    L’autre jour, ça m’a frappé, sur la route des chateaux du médoc, tu as des grandes affiches qui vantent les chateaux de Magrez…je m’en étais jamais aperçu auparavant….
    Oublions la journée ensoleillée. Climat océanique…deux jours de beau, trois jours pluvieux…

    Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...