Lacanau : La spiaggia segreta di Alex

Un post dedicato  a Don(n)a, una lettrice di Bordeaux e dintorni.

Mercoledi 4 luglio. Finalmente un pomeriggio di libero così posso andare in spiaggia prima  l’arrivo massiccio dei turisti ; i piccoli francesi sono ancora a scuola fino a venerdi. Per quanto riguarda i tedeschi, belga, inglesi e olandesi sono già presenti da più di un mese. Gli italiani ? ci ignorano ! non sopportano quando le spiagge non sono a pagamento senza  ombrellini, cabine, bagni, stabilimenti balneari, vù cùmpra, massagiatrici…

Siamo a Lacanau. Cari lettori, oggi vorrei farvi scoprire la mia spiaggia  preferita. Questa spiaggia si chiama addirittura l’Alexandre, è la spiaggia più a nord di Lacanau…

Mi piace la spiaggia dell’Alexandre perché non è frequentata come le altre spiagge di Lacanau. Dovete meritarla !….

Ci sono due possibilità per raggiungere l’Alexandre. Da Lacanau Océan potete prendere la pista ciclabile in direzione di Carcans e fermarvi all’incrocio chiamato : “carrefour de l’Alexandre”. Meglio fare il cammino a piedi (circa 3.5 km) perché non ci sono le rastrelliere per biciclette. In macchina, dovete prendere la strada dei laghi in direzione di Carcans e fermarvi sul minuscolo parcheggio della  riserva de Cousseau. Se non c’è posto, dimenticate l’Alexandre !

Quando siete “au” Cousseau, dovete attraversare la strada e prendere sia il cammino che serpeggia tra le pinete, sia la pista ciclabile che raggiunge l’incrocio dell’Alexandre. Una passeggiata di circa 2 km. Io  preferisco il sentiere attraverso la foresta…Non dimenticate la bottiglia d’acqua ! Fa mille gradi sotto i pini marittimi !….e l’aspirina…perché il rumore delle cicale è assordante !

La vecchia casa forestale all’incrocio dell’Alexandre. Non potete sbagliare ! Siete stanchi ? Be’ non siamo ancora arrivati ! ci sono ancora due o tre chilometri di passeggiata. A proposito non hanno chiamato la spiaggia l’Alexandre per rendermi omaggio, ma perché una nave  chiamata Alexandre ha fatto naufragio su questa spiaggia dopo la seconda guerra mondiale. Dovete seguire il cammino dietro la casa forestale….

Da noi, la parola cementificazione non significa niente. Ho letto da qualche parte che c’è un progetto per creare un immenso parco regionale tra Carcans-Ocean e Lacanau. Non siamo più virtuosi degli altri, ma costruire qui è impossibile, solo le pinete sono in grado di resistere alla forza dell’oceano.

L’ultima duna….

La duna è tutta fiorita ! immortale delle dune, euphorbie, cardi blu….in cima alla duna vedete il pezzo di foresta che abbiamo attraversato…

Vi lascio qui….il bagno me lo sono meritato !

Annunci

15 thoughts on “Lacanau : La spiaggia segreta di Alex

  1. Stavo per chiudere la posta quando è arrivata la notifica del tuo nuovo articolo, Alex e mi sono detta che lo avrei letto più tardi ma si sa la curiosità è Don(n)a e non sono riuscita a resistere!
    Be’…grazie è il minimo che ti posso dire.
    La spiaggia, la duna dietro essa, la marea che sale, il vento, le onde che arrivano e che sembra vogliano portarti via con loro…
    Dici bene quando dici che gli italiani vi ignorano se le spiagge non sono a pagamento, non hanno ombrelloni , bar in spiaggia, giovani orientali che massaggiano e fanno finti tatuaggi tribali sulla pelle unta…Una vera tristezza ahimè! Devo ringraziare i miei suoceri se con il loro spirito mi hanno insegnato che fare 1300 km in auto vale la pena quando alla fine trovi sorprese come queste…
    Grazie Alex, sono commossa.

    • Grazie a te, Don(n)a, per la partecipazione a questo blog. Devo dire che questa storia di spiagge a pagamento mi fa sempre arrabbiare quando vado in Italia. E’ una delle ragioni per la quale molti francesi rinunciano ad una vacanza in Italia….

      Buona sera Don(n)a !

      Alex

      • Credimi Alex, anche molti italiani rinunciano alle vacanze in Italia per lo stesso motivo…
        Buona Giornata Alex!

  2. Bellissima, ma era segreta fino al 5 luglio. Vuoi scommettere che, quando ci tornerai, sembrera’ Opéra Plage d’agosto?
    Ciao Alex, a presto

    dragor (journal intime)

    • Stai esagerando Dragor ! questo blog non è ancora Journal Intime ! Non ho 100000 visite ogni giorno ! Di solito, in questa spiaggia puoi trovare qualche surfista, quattro nudisti perché non sono più tollerati sulle altre spiagge di Lacanau e gli assuefatti…

      Buona sera Dragor !

      Alex

    • Divertente il video Osman ! sarebbe un’idea per parcheggiare le bici con tutti i pini marittimi che abbiamo ! 3,5 km à pied…ça use….dice la stessa cosa la gente che preferisce essere stipata come sardine in una scatoletta sulla spiaggia centrale. E poi…mi piace un po’ di tranquillita…abito vicino all’oceano, Osman ! dei culi ne ho già visti tanti…

      Buona sera Osman ! (et bon tour de France !)

      Alex

  3. La conosco, la conosco! Ma non ci sono i surfisti?
    Ricordo bene la mia prima Pasqua trascorsa a Lacanau tanti anni fa, quando ero giovane.
    E come dalla spiaggia tornammo a piedi percorrendo la pista ciclabile, non a Bx, al lago. Impiegammo forse due ore o tre, non ricordo, ma un tempo lunghissimo.
    Il video mi mette un po’ di ansia, il suono del vento e del mare aumentano la tensione.
    Bonne soirée.

  4. sì, di solito, ci sono quattro surfisti….ma hai visto il video. Sono rimasto due ore e non ho incontrato un gatto (nemmeno un nudista). Wow ! e io che mi vanto perché ho fatto il tratto Cousseau-Alexandre ! Credimi, non mi lamenterò mai più su questo percorso. Ti credo volontieri quando parli di due o tre ore per raggiungere la spiaggia dell’Alexandre dal lago di Lacanau ! Veramente un autentico exploit ! Chapeau !
    Il video inganna un po’ perché ho filmato con una piccola reflex che amplifica tutti i suoni…non c’era tanto vento. Invece il mare era mosso….ma non mi ha impedito di fare il bagno !

    Buona sera Francesca !

    Alex

    • Bonjour Alex,
      se posso permettermi (credo di averlo già scritto da me, forse, rispondendo ad un tuo commento), per quanto concerne le spiagge a pagamento in Italia, vale la stessa cosa per le spiagge francesi della Méditerranée, notamment le spiagge del Var (Côte d’Azur). Ma non solo.
      Là, il faut que j’aille à l’école.
      À bientôt et bonne journée.

      • Oui c’est vrai. J’aurais du inclure dans le post les margoulins de la côte d’Azur (plagistes, élus…) qui défigurent le littoral varois avec des plages payantes. C’est que l’idée de payer pour accéder à la plage, Francesca, est une chose qui me révolte profondément.
        C’est pas encore finie l’école ?

        Bonne journée

        Alex

  5. Un posto bellissimo, incontaminato, come dovrebbero essere tutte le spiagge – anche in Italia. Einvece qui solo ombrelloni e sdraio – a pagamento…
    Come ti invidio! 🙂

    • Anch’io ti invidio ! mi piacerebbe trascorrere qualche giorno in Italia…fa tre anni che sono latitante !

      Buona domenica Pim !

      Alex

  6. Pingback: Medoc : gli strani e discreti gatti dietro la casa di Alex ! | Bordeaux e dintorni, stagione II

  7. Pingback: Lacanau : la spiaggia alla fine del mondo : prima parte | Bordeaux e dintorni, stagione II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...