In cucina con Alex : Il viaggio in Italia di un coniglio di Lacanau

Questo post è dedicato ad un amico, un  blogger italiano che mi ha fatto morire dal ridere con un racconto chiamato Konopizza.

Mangiare italiano a Bordeaux ? Secondo me, ci sono solo tre ristoranti che fanno un po’ di cucina italiana : la Toscane, rue du Cancéra ; Chez Elio, cours du Chapeau Rouge e Sicilia in Bocca, boulevard du président Wilson…i dieci mille altri si accontentano di riscaldare piatti ricevuti già pronti al microonde. Ho vissuto una brutta esperienza di questo tipo questa settimana in un ristorante dove per 15 euro mi è stato servito un piatto surgelato di spaghetti alle vongole…brivido. Per consolarmi, mi sono fatto un po’ di cucina italiana questa domenica.

Gli ingredienti per 4 persone :

  • 150 g di sedano, carote, cipolla a dadi
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • 4 cucchiai di burro
  • un mezzo coniglio tagliato a pezzi (600 g di polpa)
  • 200 g di riso  per risotto
  • 125 ml di vino bianco secco
  • 1,5 lt di brodo di carne
  • 4 cucchiai di parmigiano
  • 2 cucchiai di pinoli tostati

Fate soffriggere il sedano, le carote e la cipolla nell’olio e la metà del burro.

Aggiungete il coniglio nel soffrito. Io il coniglio ho preferito disossarlo (ho utilizzato gli ossi per fare il brodo). Fate rosolare  i pezzi di coniglio per qualche minuto…

Incorporate il riso e fatelo tostare per 2 minuti.

Versate il vino bianco e lasciatelo sfumare a fuoco vivo….

Aggiungete il brodo poco per volta (il brodo deve fremere mai bollire). Abbassate il fuoco e lasciate cuocere a fuoco lento (i francesi usano il verbo mijoter) per 18 minuti mescolando ogni tanto.

Tostate i pinoli…

ritirate il risotto dal fuoco, aggiungete il resto di burro e il parmigiano grattugiato. Mescolate bene…e cospargete di pinoli.

Buon Appetito !

Annunci

13 thoughts on “In cucina con Alex : Il viaggio in Italia di un coniglio di Lacanau

  1. Hai usato uno Wok? Non sono un critico gastronomico ma un criticone e basta. Juste pour te taquiner un peu, è tutto da rifare daccapo:-). Per i miei gusti :soltanto cipolla finemente tritata e soffritta con olio burro e un po’ di brodo. Poi incorporo il coniglio e il riso al dente (non scuoce) , vino e per non rimanere in piedi a mescolare,paresse oblige, ci metto tutto il brodo rimanente, coperchio di vetro,timer 15′ poi at the end fuoco vivo, scoperchio e lascio evaporare,pinoli parmigiano ecc…
    La presentazione è da rivedere:separare… le bon grain de l’ivraie! Coniglio in evidenza con il riso intorno per esempio. Note 7/10 manca l’app per sentire il profumo!
    Buona giornata Alex!

    • Uno Wok ! no caro Osman, avevo promesso un viaggio in Italia a questo coniglio non in periferia di pechino ! ho usato un tegame. Poi, il soffritto fatto solo con la cipolla è qualcosa di banale, invece un soffrito fatto con la carota, il sedano e la cipolla è qualcosa di tipicamente italiano. Il timer non lo uso mai, preferisco essere dietro il forno con un bicchiere di vino in mano.

      P.S : non ti ho censurato il commento l’altro giorno, ma ho soppresso il post. Troppi commenti negativi.

      A presto Osman !

      Alex

  2. Io non potrei mai mangiare il coniglio perché mi ricorda i gatti. E anche un piccolo coniglio che avevo da bambino. Peccato, perché la ricetta sembra appetitosa 🙂

    dragor (journal intime)

    • Non ho avuto di relazione stretta con questo coniglio Dragor. Ti assicuro che il coniglio ha avuto una bella vita di coniglio in una cascina vicina a Lacanau. Non era un coniglio da supermercato. Puoi sempre sostituire il coniglio con un’altra carne…

      A presto Dragor !

      Alex

      • ho sorriso a questa tua risposta, Alex! La relazione stretta con il coniglio mi ha fatto sorridere:D

  3. sono tornata a leggerti nel pomeriggio perché alle 7,30 preferisco un buon croissant al risotto al coniglio.
    Io uso il riso Carnaroli, e solo la cipolla tritata finemente ma si sa che “de gustibus non disputandum est” quindi potrebbe essere che a ottobre, quando arriverà la stagione dei risotti, io lo faccia così…giusto per provare e poi ti dirò
    Buona Giornata Alex!

    • Ciao Don(n)a !
      Anch’io di solito per questa ricetta avrei usato un riso Carnaroli ma avevo solo del riso arborio in dispensa.Per quanto riguarda il soffritto, stiamo parlando di un viaggio in Italia : la cipolla sola la trovi ovunque in Francia, invece un soffritto : carota, sedano e cipolla, per un francese, è qualcosa di tipicamente italiano. Secondo me il sedano e la carota si uniscono perfettamente con il coniglio !

      A presto Don(n)a !

      Alex

      • il soffritto con cipolla, carota e sedano mi fa pensare alla mia mamma, lei lo faceva proprio così:)

  4. ciao Alex,

    grazie tante della dedica, e sono lieto di averti fatto divertire con l’orrore gastronomico del giorno!!

    Che bella ricetta! Pare davvero appetitosa. Non ho mai fatto risotti col coniglio(lo) – come dicono in Toscana – ma è l’ora di provare. A casa ho sia Arborio che Carnaroli presi in riseria nel vercellese. Un coniglio di cascina si rimedia sempre da qualche amico che non ti propina povere bestie gonfie di estrogeni e chimica. Non resta che mettere insieme il tutto e servire in tavola.

    E una chiosa al commento di Dragor. Non sei da solo. Ho una carissima amica che si rifiuta ostinatamente di guardare perfino il banco del supermercato dove stanno i poveri coniglioli pronti per la pentola, con la testa e tutto, a comprova che proprio di loro si tratta e non di gatti. Figuriamoci mangiarne uno!

    Ciao Alex, a presto,
    HP

    • Ciao H.P,
      Adoro quando scrivi su questo tipo di orrore gastronomico….mi sarebbe piaciuto vederti assaggiare un konopizza….mi dirai per la ricetta !

      In città, mia nonna aveva due galline e un gallo. Quando le galline sono morte di vecchiaia, è stato deciso da mio nonno di mangiare il gallo (al vino) per la cresima di mia madre. Mio nonno ha chiesto ad un vicino di uccidere e preparare il gallo….quando mia nonna ha visto arrivare il gallo a tavola, si è messa a piangere…poi è stato mio nonno, i figli…ovviamente, nessuno ha potuto mangiare la bestiola….

      A presto H.P

      Alex

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...