Bordeaux : la cittadella sperduta in mezzo alle vigne

Cari lettori, oggi siamo a Rions, un piccolo paese viticolo nell’entre-deux-mers, a 30 km a sud di Bordeaux. Per coloro che si interessano al vino, Rions è nell’appellazione Côtes-de-Bordeaux. Forse, non conoscete Rions, però avete sicuramente sentito parlare del vino di Cadillac, a meno di 5 km di Rions. Sull’altra sponda della Garonna (entre-deux-mers designa la regione di Bordeaux situata  tra i due fiumi di Bordeaux : la Garonna e la Dordogna), di fronte a Rions, c’è Podensac dove è prodotto un famoso aperitivo, conosciuto nel mondo intero : il Lillet. A sud di Podensac comincia la regione di Sauternes. Ecco per la lezione di Geografia. Nella foto sotto, a destra, c’è un dettaglio che indica bene che siamo in un paese viticolo !

Secondo la leggenda, Rions sarebbe il più vecchio villaggio di Gironda. Il paese è stato costruito su uno sperone  roccioso che domina la Garonna e, in una grotta, oggi crollata, qualcuno avrebbe trovato, nell’ottocento,  antichi resti di vita preistorica….si trattava probabilmente di cocci romani perché questo nome Rions deriva da una villa romana del IV secolo chiamata Reontium…

Sotto gli occhi, avete la porta del Lhyan costruita nel 1330.  Nel periodo medioevo, Rions non era questo paese un po’ addormentato  sotto il sole di Guascogna. No, cari lettori, dovete immaginare una città prospera con i suoi borghesi, i suoi castelli, le sue mura e il suo porto…Perché Rions era una ricca città portuale, una cosa difficile da credere perché il letto della Garonna  si è spostato, ma durante il medioevo, il fiume passava sotto le mura di Rions.

Guardate le vie di Rions ! Un tuffo nel passato. Questi pavimenti hanno conosciuto le invasioni normanne, i saraceni, la guerra dei cent’anni, le guerre di religione…

Le pietre di Rions ci raccontano una storia : la guerra civile, il frastuono delle armi, i gridi, le lacrime, il sangue….La città è stata più volte distrutta,  incendiata, rasata…Il 8 aprile 1295, Rions è conquistata dai francesi guidato da Carlo di Valois. La popolazione è massacrata, la città è rasata a suolo. Il posto è ripreso dagli inglesi nel 1313 però Edoardo III d’Inghilterra autorizzerà la costruzione delle nuove mura solo nel  1330. Per tutta la guerra dei cent’anni, Rions fu successivamente sia inglese, sia francese al ritmo delle battaglie e delle alleanze politiche….

Nel 1379, otto città, chiamate le figliocce di Bordeaux, si uniscono per la difesa di Bordeaux. Queste città erano : Blaye, Bourg, Libourne, Saint Emilion, Castillon, Cadillac, Saint Macaire, Rions. Nel 1404, Rions è francese ; nel 1420, Rions è di nuovo inglese…così fino al 16 luglio 1454 dove i soldati inglesi e guasconi perdono la battaglia di Castillon e la guerra dei cent’anni…

Non c’è un gatto ! A quest’ora, la gente sta ancora pranzando. le persiane sono chiuse ma le finestre sono aperte, posso sentire le conversazioni, i rumori delle televisioni, la musica….mi sento sereno.

La cittadella del XIV secolo che domina la valle della Garonna….

Un sarcofago davanti al sagrato della chiesa….

La Porta normanna del XIII secolo…il palazzo a sinistra è la posta….

La torre di vedetta (la tour du guet)

Il mercato (la halle)

Una superstite torre d’angolo delle mura….

La grotta sotto la cittadella dove scorre un ruscello. Nel 1330, la grotta è stata trasformata in fontana (la fontana delle dame). Secondo la leggenda Charles VII, dopo la battaglia di Castillon, sarebbe venuto dissetarsi qui

La Garonna ! bassa marea…e siamo a 135 km dall’oceano ! Di fronte, sull’altra sponda, c’è il villaggio di Podensac….ma è un’altra storia

Annunci

3 thoughts on “Bordeaux : la cittadella sperduta in mezzo alle vigne

  1. Purtroppo, Pim, sembra che questo post non abbia interessato i visitatori (secondo la bacheca wordpress). Comunque, non mi scoraggio, la settimana prossima scoprirai il castello di Montesquieu…

    A presto Pim !

    Alex

  2. Pingback: Il calvario di Toulouse-Lautrec in mezzo ai più belli vigneti del mondo. | Bordeaux e dintorni, stagione II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...