Turisti francesi a ruota libera negli uffici del turismo dell’Aquitania.

Gli italiani si vantano spesso di essere i peggiori turisti del mondo, ma, cari amici italiani, entrate in un ufficio del turismo francese e ascoltate le domande che fanno i turisti francesi ai poveri addetti che rischiano di crepare dal ridere ad ogni secondo. Ogni anno, gli impiegati degli uffici del turismo della regione raccolgono le domande più assurde fatte dai turisti. Sicuramente una specie di terapia per evitare il manicomio. Così, vi accorgerete che i peggiori turisti del mondo siamo noi !

  • Ci sono le maree nel lago  ?
  • Possiamo surfare sul lago ?
  • Dove si può incontrare cinghiali  ? La notte, nelle foreste, ma è sconsigliato, risponde l’addetta…
  • Come possiamo traghettare il bacino di Arcachon in autobus ?  Lei vuole dire con il traghetto ? chiede l’addetta…non, risponde il turista, in autobus, con l’autobus anfibia…
  • Il bacino di Arcachon è riempito tutto l’anno ? non, lo svuotiamo in inverno come una volgare piscina !
  • Buongiorno, dove c’è il grosso mucchio di sabbia ? (la dune du Pilat)
  • Lei ha un paio di forbici, vorrei tagliarmi le unghie (quando il turista confonde l’ufficio del turismo con un gabinetto pedicure !)
  • Voi fate i piatti da asporto ? (sicuramente quello che gli italiani chiamano : il turismo mordi e fuggi !)
  • Siamo di Montpellier, ci siamo precipitati su questa spiaggia per vedere l’oceano. Euh, balbetta l’addetta imbarazzata, è il lago !
  • L’acqua della fontana calda è calda ?
  • Sto cercando la sagra della fragola di Daxou ? ma, caro turista,  non sarebbe piuttosto la sagra della ciliegia di Itxassou ?
  • Vorrei recarmi a Ossobuco ? Ovviamente, il paese non si chiama Ossobuco ma Vieux-Boucau !
  • Il turista al telefono : scusatemi ho difficoltà a parlare, non ho messo la dentiera !
  • Buongiorno, sono bene alla stazione termica ? non, non, qui è la stazione termale !
  • Avete informazioni sulle gambas, sapete i gruppi di musicisti come li chiamate qui ? Non sarebbero piuttosto le bandas, le gambas essendo dei gamberi ?
  • Buongiorno ! sto cercando il lago della saucisse (salsiccia). Lei vuole dire il lago di Saucille !
  • A Roquefort (nelle Landes). Dove posso visitare le cantine di formaggio Roquefort ? A Roquefort nell’Aveyron cioè quasi a 310 km dalla nostra città !
  • Mi dispiace non abbiamo più  pomodori confit, posso sostituirli con pomodori cuore di bue ? No grazie, dice il turista, non mi piacciono le frattaglie !
  • Il kir, lo volete alla pesca o con ribes ? natura, risponde il turista…insomma, un bicchiere di vino bianco !
  • Last but least, gli irreducibili turisti bretoni in una prosciutteria Serrano : avete un panetto di burro ?

Fonte : Sud-Ouest

Annunci

13 thoughts on “Turisti francesi a ruota libera negli uffici del turismo dell’Aquitania.

    • Certo che gli italiani non fanno domande di questo genere ! Secondo me Lazerone, gli italiani sono preparatissimi quando fanno una vacanza da noi…Conosco anche un italiano che ne sa più di me su Bordeaux 🙂

      A presto Lazerone !

      Alex

  1. Le persone impiegate negli uffici del turismo devono per forza avere una pazienza sconfinata e infinita. Dovrebbero scrivere una dispenza, delle novelle. Immagino non abbiano tempo. A loro va tutta la mia ammirazione e solidarietà.
    Sto rileggendo per scegliere la migliore battuta.
    Dalle risposte, mi viene in mente un episodio accadutomi in una sorta di autogrill a nord di Bx, nel quale un signore anziano lo scorso anno, chiese del vino e davanti al diniego della commessa ‘non serviamo alcolici’, torno’ alla carica chiedendo della birra.
    Buona serata, Alex e grazie.

  2. Ce vieux devait être plus un indigène qu’un touriste voire pire un charentais 🙂 C’est sur qu’il faut se les coltiner certains touristes. D’ailleurs, le mot touriste a un double sens en français : la personne qui voyage, mais cela peut être aussi un je-m’en-foutiste (menefreghista). Moi j’aime bien le type qui confond Ossobuco avec le vieux-boucau !

    PS : je t’ai envoyée un lien pour télécharger la première partie, si cela marche, les autres parties suivront…

    Bonsoir Francesca !

    Alex

  3. A me, buongiorno Alex, quella dove credono che si svuoti la piscina e l’altro subito dopo del mucchio di sabbia!
    CA FOCTIONNE ! TON SUPER TRUC FOCTIONNE ! Merci et merci encore !

  4. Ciao Dragor ! Mi ricordo molto bene del tuo post ! Secondo me, in questo caso, le domande sono fatte dai turisti bordolesi che fanno la vacanza a Nizza. La prima volta che sono stato a Nizza, avevo l’albergo verso l’aeroporto…e ho deciso di andare a piedi fino al centro città per cenare…a metà strada sono tornato per prendere la macchina, ne avevo pieno….

    A presto Dragor !

    Alex

  5. Bonsoir Alex,
    je viens de terminer la lecture de tes post (gli arretrati) et …
    Les hybrides et “contente d’être à la maison”.
    Alors pour le premier cas c’est une catastrophe car je dis : “ho montato le scale”, ou bien je demande : “hai mis la nappa” ? Plutôt que “je me suis oubliée” et j’en ai encore et encore ; de plus comme le bordelais n’a pas de “è” mais que des “é” je tiens de cours de français en Italie sans jamais (ou presque) prononcer le “è” : pour moi le son “è” c’est tout “é” (très à la place de très ; le (lés) à la place de le lait)
    Pour répondre à ta question, j’utilise l’expression italienne : “ni”, soit : oui et non, j’aurais sûrement aimé rester un petit plus, mais j’ai dû impérativement, malgré moi, rentrer. Le 17 j’étais pour la deuxième fois à Le Teich et c’est là que j’ai vu l’incendie.
    Il faut que je continue la lecture de tes post (gli arretrati).
    À bientôt et bonne soirée.

  6. Tu as lu le post sur la niniche, le dessert de Bordeaux 🙂 Si cela peut te rassurer, moi aussi, je prononce lait avec l’accent aigu, d’ailleurs tous mes è sont des é ; même chose pour le son o, tous mes sons o sont fermés, même quand ils devraient être ouverts. Je suppose que c’est le cas de tous les gens qui vivent en dessous de la Loire. Une fois un couple de parisien m’a demandé le chemin pour aller à Blaie, j’ai mis une heure pour comprendre qu’il s’agissait de B.L.A.Y.E 🙂

    Bonsoir Francesca !

    Alex

  7. Pingback: Pazienti in ruota libera negli ospedali francesi ! | Bordeaux e dintorni, stagione II

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...