La seconda stagione di Bordeaux e dintorni !

CARI LETTORI, SE VOLETE SEGUIRE LA SECONDA STAGIONE DI BORDEAUX E DINTORNI, CLICCATE IL LINK SOTTO.

http://alexdebordeauxii.wordpress.com/

A PRESTO. ALEX

Annunci

In cucina con Alex : Il viaggio nel Loir-et-Cher

Francia. Regione : Centro. Dipartimento : Loir-et-Cher. Città : La Motte-Beuvron. Questo dipartimento è stato reso famoso da un cantante francese : Michel Delpech. Cliccate qui se volete ascoltare la canzone. Però il Loir-et-Cher può vantarsi di un’altro titolo di gloria : aver dato alla luce le due sorelle più conosciute di Francia : Le sorelle Tatin. Stéphanie detta “Fanny”, 1838-1919 e Caroline, 1847-1911 che inventarono per caso il dolce preferito dei francesi : la tarte Tatin.

Le due sorelle erano proprietarie di un albergo davanti alla stazione della Motte-Beuvron e ogni weekend tutti i ricchi cacciatori parigini scendevano con il treno fino alla Motte-Beuvron per recarsi in Sologne (una regione ricca di selvaggina).

Secondo la leggenda, la sorella minore, Carolina, un po’ distratta a causa di un battibecco fra cacciatori nell’albergo, avrebbe infornito una torta di mele dimenticandosi di foderare la base della torta che stava preparando. La ragazza se ne sarebbe accorto solo a metà cottura e per non buttare via la torta, avrebbe incoperchiato le mele con un disco di pasta prima di rimettere tutto a cuocere. Il succeso fu straordinario ! A tale punto che un certo Curnonsky sopranominato “il principe dei buongustai” ne fece un elogio nella rivista “La France gastronomique” nel 1926.  Così nacque la leggenda della tarte Tatin.

Non è troppo difficile, ne esistono varie versioni più o meno simile,  ma c’è una regola da rispettare assolutamente : dovete utilizzare solo mele di tipo regina delle renette. Altrimenti non è una Tatin !

Gli ingredienti :125 gr di zucchero, 100 gr di burro, 250 g di pasta brisé o sfoglia (per quanto mi riguarda, ho comprato un rotolo di pasta sfoglia già pronta), le mele renette secondo la dimensione della teglia (non dimenticate che le mele calano un po’ in cottura), un vasetto di panna acida (crème fraîche).

Imburrate una tortiera, quella fa circa 22 cm, con la metà del burro e zuccheratelo generosamente.

Ricoprite il fondo con le mele, disponendo un primo strato di spicchi con il dorso rivolto verso il fondo della teglia. Aggiungete un secondo strato, poi un terzo strato…Ovviamente, dipende dalla quantità  e dal calibro delle mele (per la ricetta ho utilizzato 8 mele)

Spolverate di zucchero….

Ricoprite con la pasta sfoglia o la pasta brisé (io, in questo caso, preferisco una pasta sfoglia)…e non dimenticate di spingere la pasta all’interno della teglia…

Infornate la teglia a 220° (termostato 6) per 30 minuti….Sformate subito la Tatin su un piatto che sopporta la cottura al forno. Sopra il risultato dopo 30 minuti de cottura….

Spolverate con lo zucchero rimanente. Disponete il resto del burro tagliato a pezzi….

Infornate di nuovo la Tatin ma questa volta sotto il grill per 10 minuti, porta aperta….e non lasciate la Tatin bruciare, la ragazza deve caramellare !

spalmare generosamente la panna acida sulla Tatin ancora tiepida. Potete preparare la Tatin la vigilia, sarà ancora migliore….Comunque la Tatin dovrà essere servita tiepida e accompagnata di panna acida….altrimenti, secondo me, non è una Tatin ! Buon appetito !

Dedicato a Francesca che mi ha dato l’idea del post.

Bordeaux : il mercatino di natale 2012.

Molti lettori raggiungono Bordeaux e dintorni cercando su Google : i(l) mercatin(o)i di natale a Bordeaux. Per il momento non c’è ancora niente perché il mercatino di natale sulle viali di Tourny si svolgerà dal 23 novembre fino al 30 dicembre. Promesso,  ci faro’ un giro  però non vi aspettate a qualcosa di straordinario perché Bordeaux non è Strasburgo ! Ovviamente, siamo tartassati in T.V dalle pubblicità natalizie da settembre e non si passa un giorno senza che la mia cassetta delle lettere trabocca di cataloghi giocattoli. Ma cosa volete non ci pensiamo perché il mese di novembre prende aria di primavera, ancora 22° ieri. Il solo segno di natale a Bordeaux è l’abete sistemato l’altro giorno, piazza Pey-Berland, davanti al portale nord del duomo….

Quando Bordeaux assomiglia a Pyongyang….

Fatto.  E’ ufficiale. La città di Bordeaux si è trasferita in Corea del Nord. Tutta la Francia ci prende in giro con questa storia della statua di Chaban-Delmas in piazza Pey-Berland. Non bastava che tutto si chiami già Chaban-Delmas a Bordeaux ; ogni nuova strada, via, edificio, cesso…ecc…è battezzato Chaban-Delmas. Ci mancava proprio la statua…

Di recente, abbiamo avuto l’ubbia del nostro sindaco che ha deciso di battezzare il nuovo ponte sollevabile di Bordeaux : Chaban-Delmas. Ovviamente senza nessuna concertazione ! Il fatto del principe se volete. I bordolesi consultati avevano scelto Baba (Bacalan-Bastide), ma chi se ne frega del parere degli abitanti ! Qualche anno fa, fu lo stadio comunale ad essere chiamato : Chaban-Delmas ! così, una notte tu vai al letto, lo stadio si chiama ancora : “Parc Lescure” e quando ti svegli, lo stadio ha cambiato di nome. Sorprendente no ?

E adesso questa orrenda statua di 3 metri in bronzo che deturpa l’armonia della piazza Pey-Berland. Ma perché il comune ha deciso che i bordolesi dovrebbero consacrare un culto della personalità all’ex sindaco di Bordeaux ? Il tizio è rimasto sindaco per 50 anni e non ha fatto niente per la città, ma proprio niente. Forse, non sono onesto ! Il tizio è riuscito ad  imbruttire la città con il quartiere di Meriadeck ed a distruggere il porto di Bordeaux…Ma guardatela questa ridicola statua ! Che incubo ! Un Chaban-Delmas gigante, vestito con l’impermeabile dell’ispettore Clouseau, lo sguardo verso il duomo, sta camminando in direzione del palazzo Rohan. Ma vedrete che presto ribattezzeranno anche la piazza Pey-Berland !

Ovviamente, i bordolesi sono stati gli ultimi avvertiti, un po’ come i cornuti che sono sempre gli ultimi a sapere che hanno le corna. Forse, il comune voleva farci questo regalo per natale ! Ma sapete come l’abbiamo imparato la storia della statua di Chaban-Delmas e la sua inaugurazione la settimana scorsa ? Leggendo la stampa locale ! Da allora, la gente si reca in piazza per costatare i danni e lo spreco di soldi. Perché lo scherzo costa comunque 500 000 euro al contribuente. Pazzesco. Mentre ci sono file davanti ai restos du Coeur, al Secours Populaire, che la gente non trova ad alloggiarsi o curarsi decentemente…il comune butta i soldi dalla finestra…Secondo un amico che si trovava in piazza, l’inaugurazione si è fatta in fretta sotto i fischi dei manifestanti e la protezione della polizia…

Forse, ci sarà un bordolese abbastanza coraggioso per abbattere la statua di Chaban-Delmas. Comunque, c’è speranza perché le statue non sono eterne a Bordeaux. Per esempio, piazza della Borsa, prima la rivoluzione, c’era un’immensa statua equestre di Luigi XV ; sulle viali di Tourny c’era una statua di Napoleone….E zitto ! è un segreto ! non lo dite agli altri francesi, già ci prendono in giro ! C’era una statua di Asterix Vercingetorix antistante alla basilica Saint-Seurin sulle viali D’amour (oggi piazza martyrs de la résistance). Fortunatamente, i tedeschi l’hanno rubata durante la guerra ! Vedete non è la prima volta che ci ridicolizziamo e abbiamo sempre sopravissuto….

Oggi la statua di Chaban-Delmas, piazza Pey-Berland ; ieri la statua di Vercingetorix, piazza dei martyrs de la résistance…..

Masturbation blues

Ieri sera, sono andato al concerto della cantante di blues Candye Kane. Ex attrice porno con un fisico che non avrebbe rinnegato Federico Fellini. D’altronde la filmografia di Candye Kane parla per lei : Boobsville Cabaret, Best Of Breasts 3, Bra Breakers Vol. 1…ecc…Ma sarebbe particolarmente ingiusto e riduttivo riassumere la carriera di Candye Kane così ! Torniamo alla cantante. Candye Kane è una ragazza “colorita” che interpreta, con umorismo, un repertorio blues-swing-rhytm’n’ blues di buona fattura. La cantante evoca altre cantanti di blues tipo  Big Mama Thornton o Etta James. Voce potente, personalità forte, energia e carisma straordinario….Cari lettori, vi invito a cliccare sull’immagine sotto, così mi direte se la vitalità e l’entusiasmo di Candye Kane non sono comunicativi 🙂

Novembre a Lacanau, prima parte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo post vorrebbe dedicarlo a Don(n)a, una lettrice di Bordeaux e dintorni. Sapete, cari lettori, cosa faccio quando sono un po’ giù di morale (e anche quando tutto va bene) : un giro intorno al lago di Lacanau. D’inverno, il lago mi appartiene, ovviamente i cayoc (i gabbiani), i cigni e le egrette non sarebbero d’accordo con questa affermazione e nemmeno le pecore che pascolano nel lontano. Il momento migliore è il crepuscolo quando il cielo prende un colore malva che non ritroverete da nessuna parte altrove. C’è qualcosa di molto primitivo con le paludi, gli stagni, le foreste imperscrutabili che circondano il lago e la nebbia che sale dall’acqua….Anche una passeggiata a fine pomeriggio come quello di oggi, vale la pena. Quando c’è una luce davvero dolce, un cielo nuvoloso che si riflette nell’acqua…Allora, mi piace andare fino alla punta del molo seguendo il cammino che costeggia il canale. Il mio posto segreto se volete. Mi sedo su una pietra e contemplo i cormorani posati su una vecchia barca….sembrano dormire ma in realtà stanno pescando….e di quando in quando si sente un tuffo…