Mi sono fatto rifilare il mistigri !

In Francese diciamo rifilare il mistigri a qualcuno, in italiano, l’espressione corrispondente sarebbe passare la patata bollente a qualcuno. Comunque, c’è sempre l’idea di  sfuggire alle sue responsabilità abbindolando qualcuno e nel presente caso un poveretto disgraziato : l’autore di questo blog. Notate che abbiamo, anche noi, l’espressione : passare la patata bollente, c’è anche l’espressione colorita : rifilare il bébé…ma io, non mi sono fatto rifilare né una patata né un bimbo…ma veramente, letteralmente,  un mistigri ! Forse, non lo sapete, ma la parola mistigri designa in francese il gatto (miste : gatto ; gri : grigio).  Questo gatto è diventato anche il personaggio di un gioco popolare di carte in cui dovete formare delle coppie. Il mistigri (il gatto, il fante di fiori) è l’unica carta che non entra in una coppia…e alla fine il giocatore a cui resterà il mistigri avrà perso….adesso conoscete l’origine dell’espressione : rifilare il mistigri a qualcuno !

Alex, sai che mia sorella ha raccolto la gatta dei suoi vicini ? Povera bestiola !  è quasi abbandonata. non le danno da mangiare…è mia sorella che deve andare al supermercato per comprare le scattolette…Ma dai ! mi vuoi dire che tua sorella è così  cretina che  preferisce correre  al supermercato, spendere  soldi… piuttosto che denunciare i suoi vicini al comune ? Sì proprio così e la storia non finisce qui. L’altro giorno, mia sorella ha sentito miagolare in soffitta, lei è salita per vedere cosa succedeva: la gatta aveva partorito due gattini ! Mi è simpatica questa gatta, ho sogghignato perfidamente, sicuramente per ringraziarla delle scattolette !

Un mese dopo, la mia amica torna sull’argomento. Alex, la gatta e i gattini sono scesi dalla soffitta di mia sorella per sistemarsi nel garage. Sono troppi carini ! Cosa facciamo ne prendiamo uno ? Preferisco morire, rispondo freddamente. Non ne voglio più sentire parlare ! Ti ricordi che abbiamo già un gatto ! un animale tanto sinistro che rende simpatico una porta di cella ! Allora, la mia amica comincia a raccontarmi che la gatta rischia di portare i gattini altrove e nel quartiere di sua sorella c’è un tizio sopranominato l’uccisore dei gatti, una specie di maniaco che conosce mille e uno modo per fare fuori un gatto indesiderabile e vi posso assicurare che ho avuto diritto a tutti i dettagli ! Alla fine ero K.O e ho ceduto….Ma, comunque, c’è una cosa che non ho ancora capito : appena avevo detto sì, la sorella che abita  a 50 km da casa mia era nel mio salotto con il gattino. Mistero.

L’indomani cioè 15 giorni fa, ho dovuto portare il gattino dal veterinario tanto eravamo preoccupati. la bestiola non mangiava, restava rannicchiata sotto un radiatore. Il veterinario mi ha spiegato bene cosa fare : isolare il gattino in una stanza a parte più piccola, evitare i contatti con l’altro gatto, secondo lui, non sarà facile perché il gattino è quasi selvatico….Poi, il veterinario mi ha fatto la prescrizione : lo spray antiparassitario, il medicinale antivermi, il diffusore elettrico di feromoni Feliway che dovrebbe rassicurare il gattino….Risultato più di 100 euro ! Ho maledetto la sorella di mia amica fino alla settima generazioni. Oggi, devo tornare con il gattino per l’esame  FIV HIV felina…speriamo bene !

Il mistigri. Il gattino o piuttosto la gattina come me l’ha rivelato il veterinario….

Mentre il potere politico dorme, il killer asiatico continua ad uccidere : già 6 morti in Gironda

C’è una frase celebre attribuita a Albert Einstein :  “quando le api scompariranno agli uomini resteranno solo quattro anni di vita”. Non mi sembra che sia necessario  conoscere la teoria della relatività per capire questa frase, caro ministro dell’agricoltura, si, si….anche per un imbecille come te…. L’ottanta per cento delle specie vegetali per riprodursi dipende dall’impollinazione effetuata dalle api. Vedi, caro ministro, a rischio non c’è solo la produzione di miele ma anche un terzo dell’alimentazione dell’uomo ! Le api lavorano gratis e la loro scomparsa  danneggerà l’economia per miliardi di euro. Oggi, le morie di api stanno sconvolgendo l’intera pianeta. Negli ultimi 10 anni in Europa, le api sono ridotte di 40%, il tasso di mortalità  arriverà presto alle stelle. Secondo gli scienziati ed entomologi, non c’è dubbio, tutti riconoscono che la monocultura, i cambiamenti climatici… ma sopratutto  i 5.000 pesticidi in commercio ne sono la causa fondamentale. Nella primavera 2008,  l’insetticida Cruiser, del marchio Syngenta (leader mondiale dei pesticidi), spruzzato su piante di mais, ha causato un tale massacro di api che l’Italia, la  Germania e la  Slovenia ne hanno sospeso l’omologazione. tu, caro ministro di merda, hai deciso di non rinunciare al cruiser e hai  concesso autorizzazioni annuali  nel 2008, nel 2009 e nel 2010. Gli apicoltori hanno fatto ricorso e il consiglio di stato  ha dichiarato illegale l’autorizzazione provvisoria che hai concessa all’uso del Cruiser 350 commercializzato dalla Syngenta…la tua autorizzazione annuale non si accorda con le regole francesi, che permettono solo autorizzazioni decennali….Ma tu, caro ministro, te ne freghi del consiglio di stato, degli apicoltori…. puoi continuare a sterminare tranquillamente le api…cosa pesano le api contro il lobbysmo della Syngenta….

foto scattata nella foresta di Lacanau….

Se ci fossero solo i pesticidi a sterminare le api  ! ormai, da anni, c’è anche  la vespa velutina o vespa asiatica che divora le api. La vespa asiatica è arrivata nel Sud-Ouest della Francia nel 2004. un importatore di bonsai da Shangai ha importato anche la Vespa velutina  ; le vespe stavano svernando nei vasi ! Cari amici italiani, presto avrete anche voi la vespa asiatica perché il governo francese non fa assolutamente niente per frenarne l’avanzata. Basta dieci vespe asiatiche per distruggere un’arnia. La vespa asiatica fa a pezzi l’ape e porta il torace ricco di proteine al proprio nido per nutrire la propria progenie….Ovviamente non c’è niente da aspettare con questo ministro dell’agricoltura. Gli apicoltori sono abbandonati dai poteri pubblici, loro  hanno chiesto che la vespa asiatica sia inserita nell’elenco delle specie pericolose…mentre aspettano ancora la risposta : sono morte 6 persone nel dipartimento. Nel paese dove abito un uomo è morto il primo novembre da un morso di vespa asiatica. Una produzione di miele in calo, degli apicoltori costretti a lasciare l’attività….e quando gli apicoltori chiedono un aiuto per distruggere i nidi di vespe….la risposta di questo ministro di merda  :  cavatevela da soli ! (scusate lo sfogo ma ho incontrato un amico apicoltore, è alla disperazione)

Quando il leone dell’atlante è fuori moda

Lo zoo ha lanciato  una nuova campagna pubblicitaria. Sono stati installati cartelloni  stradali nelle vicinanze e nei punti strategici della città. Guardate il cartellone (cliccate per ingrandire)  :

Quest’anno siamo invitati a scoprire  i leoni bianchi di Kruger (non sapevo neanche che esistesse un leone bianco), l’anno scorso, lo zoo ha accolto i  lupi bianchi dell’artico ; nel 2008, le tigri bianche….Cosa faranno,  l’anno prossimo,  per attirare la gente : l’ultimo gorilla bianco rwandese, il giaguaro bianco….In realtà, il leone bianco non è una specie, solo il frutto di una mutazione come la tigre bianca. Sembra che gli zoo, a scopo di lucro “producano” addirittura questi animali. Per dire la verità, non è tanto difficile, basta incrociarli tra parenti. Pero, sappiamo bene cosa danno gli incroci tra  tigri consanguinee per esempio : i cuccioli  sviluppano malattie, hanno una vita breve….Mentre le tigri bianche potrebbero incrociarsi con tigri normali e dare cuccioli sani….Non mi piaciono gli zoo, ma, riconosco che possano avere un ruolo fondamentale nella conservazione delle specie minacciate di estinzione. Ma qui, non stiamo parlando di una specie ma solo di una variazione genetica rara che non merita una protezione particolare….

Lo zoo è diventato un parco di divertimento, largo ai leoni bianchi ! Il vecchio leone dell’atlante  e la moglie sono stati licenziati. Troppo banale, troppo pallido nostro  vecchio Clarence. Il merchandising non funzionava più. Clarence non riusciva più a raggiungere gli obiettivi di vendita. I bambini non compravano piu le peluche di Clarence nel negozio all’uscità dello zoo….i genitori si lamentavano : ma dai !  abbiamo pagato per vedere un leone scalcagnato ? E una truffa !  Negli altri zoo hanno zebre bianche, elefanti bianchi….

Ho trovato un video di Hercule (che ho chiamato Clarence nel post)  e Cindy ai bei tempi,  prima del licenziamento :

La donna che si è inventata un mestiere

Ieri sera, nella mia buca delle lettere c’era un volantino. Avete notato come i volantini possono essere fonte di conflitto. Il mio vicino di casa ha dichiarato  guerra ai volantini. Non li sopporta più. L’uomo è diventato una specie di predicatore : “siamo invasi dai volantini, la gente è stanca di vedere la cassa delle lettere piena di volantini, sono ovunque : sotto le porte di accesso, sulle auto….ho messo un cartello col divieto “no pubblicità, i volantini non sono graditi”, non cambia niente, tornano sempre nella cassa delle lettere….firmate la petizione !  Il tizio mi fa pensare ai personaggi d’Italo Calvino che combattono le formiche nel racconto la formica argentina….Firmate la petizione ! c’è una campagna  internet, ci sono gruppi su Facebook….

Non firmo la petizione ho detto. A me, non danno fastidio, alcuni addirittura mi interessano e quando non mi interessano li butto nella pattumeria verde quella per la raccolta della carta. E poi,  non mi piacerebbe fare perdere il lavoro a qualcuno, anche i distributori di volantini devono mangiare. Per quanto riguarda i gruppi facebook lasciamo perdere….Il tizio è rimasto allibito….è assurdo, criminale, mi ha risposto. Lei non ha nessuna coscienza ecologica ! Tutti gli alberi che vengono abbattuti….. mi dice il tizio che ha comprato una terrazza  in legno esotico mentre, in Aquitania, abbiamo la foresta coltivata più estesa di europa,  2 milioni di ettari di pini  ! Lei sbaglia ! i volantini sono fatti  con la segatura, i trucioli, i frammenti di legno ho ancora aggiunto….Da allora,  siamo un po’ in rotta….

Dunque, ieri sera,  ho trovato un volantino che mi ha intrigato. Da qualche anno, si sono sviluppati i “servizi alla persona” . Avete bisogno di una baby-sitter, un giardiniere, qualcuno per stirare, lavare,  fare la spesa, un professore di musica, un cuoco….Per assumere una persona non ci sono formalità amministrative,  esiste una rete di agenzie abilitate dallo Stato che funge da fornitore di servizi ai privati, una specie di agenzia matrimoniale in qualche modo ; Ogni volta  che  avete bisogno di un servizio a domicilio si contatta una di queste agenzie, che fa da ponte con l’impiegato. Una volta il legame creato tale agenzia si preoccupa di inviare la persona che svolgerà il lavoro al domicilio del cliente. Il pagamento viene effettuato all’agenzia e non all’impiegato, a mezzo di assegni in vendita presso le banche. Gli vantaggi :  esonero degli oneri sociali per il datore di lavoro, credito d’imposta di 25%….cosi, si lotta anche contro il lavoro nero…

Ecco, il volantino :  (cliccate per ingrandire)

la signora C…si è inventata un nuovo mestiere : i servizi agli animali !  Avete paura che, di pomeriggio,  il vostro pesce rosso si annoia senza di voi  ?  troppo pigro per correre dietro il cane dopo il lavoro ?  nessuna voglia di fare la spesa per la pappa del gatto ? Sospettate il criceto di non allenarsi nella ruota olimpica che avete appena comprata ? Troppo sensibile per nutrire il boa constrictor con topi o ratti vivi ? troppo angosciato per portare la bestiola dal veterinario ? un impedimento ? una vacanza, siete ricoverati  in ospedale …..Niente paura, la signora C…si occupa di tutto. Vi resta solo a comprare gli assegni in banca ! Ed ora non avete più scuse per abbandonare  gli animali quest’estate….